Città di riferimento dell'architettura e del design europeo, un breve viaggio per rivedere Copenaghen mi incuriosiva in modo particolare. Per prima cosa perché, tra le città europee più ricche di bellezza e di storia antica, è anche quella che ha saputo innestare più di ogni altra l'architettura contemporanea in una felice convivenza con le monumentali architetture dei secoli scorsi, inoltre perché soprattutto nella zona del porto e nei quartieri più periferici, proprio l'architettura e la sua creatività, è riuscita nell'intento di riconvertire spazi molto importanti o degradati alla quotidianità e alle funzioni di una moderna città contemporanea. E non solo per quel che riguarda gli edifici, ma a tutto tondo: a livello urbanistico, logistico e di conseguenza anche sociale. Non a caso, a livello di sostenibilità ambientale, Copenaghen è candidata a diventare entro il 2025 la prima città al mondo ad emissioni zero.
Il terzo motivo è che da una recente indagine gli scandinavi e in particolar modo gli abitanti di Copenaghen, risultano essere in cima alla classifica della felicità sulla scala mondiale. Da parte mia il pensiero va al fatto che il dinamismo dell'architettura e dei suoi protagonisti abbiano contribuito a un risultato così eccellente.
In effetti che la vivibilità della città sia un continuo spettacolo è una sensazione che accompagna ogni momento del mio soggiorno. 

by Ilenia Girolami

Continua a leggere nella seconda parte